PUBLICIDAD

El Vaticano abre las escuelas ocurrentes, la Iglesia verde, el Papa Francisco visita el quirinal y rebelión en Nigeria

|

 

 

Es un tema recurrente, y sorprendente, la nueva posición de la iglesia con relación a la ecología. Lo que en otros tiempos parecía un tema marginal en el mundo religioso se ha convertido hoy en el principal dogma de fe. Y cada día son más los que piensan que este es un tema más político que científico y que las posiciones en torno a todos estos argumentos no intentan defender la cuestión de fondo, el amor a la creación y la defensa de la naturaleza, sino que intentan destinar fondos públicos para financiar instituciones que tienen un marcado interés político de diseño de Sociedad. Lo más curioso de esta situación es que como siempre, tarde y mal, la Iglesia Católica se ha sumado a esta bandera, la predicación del Evangelio, única razón por la que existe la iglesia, parece quedar en un muy segundo plano.

El Papa visita el Quirinal, antiguo palacio residencia de los Papas hasta tiempos de Pío IX, estamos seguros que portara mensajes de amor universal y paz , respetando mucho , pero mucho, la ecología.

Las escuelas ocurrentes, convertidas en fundación Pontificia, ya tienen su sede en el Estado Vaticano, claramente es un proyecto muy querido y potenciado por el actual Pontífice y que parece tener un desarrollo importante en América Latina, no sabemos el interés que por ahora tiene en otros lugares.

Los sacerdotes de una diócesis nigeriana se han rebelado contra su obispo y han sido convocados en Roma, veremos cómo termina la rebelión. Buena lectura .

http://formiche.net/
http://www.lastampa.it/2017/06/08/vaticaninsider/ita/vaticano/il-papa-inaugura-la-sede-vaticana-di-scholas-occurrentes-qqxESxbUkZOKsBq8sqvycI/pagina.html
http://www.ilmessaggero.it/primopiano/vaticano/papa_francesco_nigeria_vescovi_preti_ribelli_arinze_diocesi_africa_chiesa-2491058.html

Il Papa al Quirinale, sabato ricambia la visita di Mattarella

http://www.lastampa.it/2017/06/07/vaticaninsider/ita/nel-mondo/clima-il-vaticano-allexpo-di-astana-sullafuture-energy-UNzvqJijG9wRyDDIBCq4UO/pagina.html
http://www.quotidiano.net/speciali/g7-ambiente/laudato-si-zuppi-galletti-1.3182000?wt_mc=twitteruser

http://www.ilfoglio.it/chiesa/2017/06/08/news/clima-vescovi-usa-trump-138671/

Comentarios
4 comentarios en “El Vaticano abre las escuelas ocurrentes, la Iglesia verde, el Papa Francisco visita el quirinal y rebelión en Nigeria
  1. Agradecemos la aportaciòn de Echeniche muy util para enteder tantas cosas. este Blog se hace eco de las noticias en medios laicos, Queremos ver la visiòn de la Iglesia desde fuera. es cierto que seria muy interesante hacer lo mismo con las redes sociales. Alguna vez incluimos en el resumen algun articulo de las redes sociales bien por ser de una autor con autoridad o porque su contenido es importante. Gracias por la aportaciòn, sin tener los pies en la tierra el futuro se construira muy mal. Conocer bien la realidad nunca en malo y ayuda a enteder la confuciòn en la que nos encotramos.

  2. Cuando quien debe orientar el magisterio de la Iglesia Romana, se entrega a las mentiras del mundo, entiéndase el progresista cambio climático como visión política, y se gasta el dinero que entregan los fieles en ello, su magisterio y autoridad quedan cuestionadas.
    En esta situación el daño a la Iglesia es enorme, y el papado vuelve a estar en entredicho como en épocas pasadas, en las que la Iglesia sufrió dolorosas fracturas.
    Solo nos queda esperar que Obispos y Cardenales, como sucesión apostólica, tengan el coraje para hacer la corrección fraterna necesaria a Bergolio, como San Pablo le hizo a San Pedro, y enseñar según la verdad de la tradición de la Iglesia en sus diócesis, para que el Espíritu Santo las ilumine y se levanten las brumas Tiberinas.

  3. Editorial durísimo de Riccardo Cascioli en la Nuova Bússola Quotidiana sobre los prelados vaticanos anti Trump, que ignoran la finalidad de la Iglesia y la salvación de las almas.
    Prelati anti-Trump sui cambiamenti climatici: hanno dimenticato Cristo
    di Riccardo Cascioli
    07-06-2017 AA+A++
    Riscaldamento globale
    AddThis Sharing Buttons
    Share to Facebook
    Share to Twitter
    Stampa Invia ad un amico Scarica il PDF RSS
    È peggio l’ignoranza, l’ideologia o il conformismo? È una domanda inevitabile quando leggi – esterrefatto – dichiarazioni e interviste di alti prelati che commentano scandalizzati il ritiro degli Stati Uniti dagli Accordi di Parigi sul clima.

    Ha cominciato l’ineffabile monsignor Marcelo Sanchez Sorondo, presidente delle Pontificie Accademie delle Scienze e delle Scienze sociali, parlando di «un disastro per il mondo intero», di scelta irrazionale perché va contro la scienza e contro l’evidenza indiscutibile secondo cui i cambiamenti climatici «hanno conseguenze negative sulla salute dei popoli in tutto il mondo». Evidenza indiscutibile? Forse mons. Sorondo potrebbe dare un’occhiata ai tanti interventi, a suo tempo fatti anche in Vaticano, del professor Antonino Zichichi, fondatore della Federazione Mondiale degli Scienziati, che in quanto a scienza ha qualche titolo in più del monsignore e che da anni bolla come bufala la teoria del Riscaldamento globale antropogenico. Perché è di questo che stiamo parlando, ovvero della teoria per cui esisterebbe oggi una alterazione del clima causata dalle attività umane che sta portando al disastro l’intero pianeta. Oppure potrebbe ascoltare questo breve video del professor Carlo Rubbia, premio Nobel per la Fisica, che prova a spiegare alla Commissione ambiente del Senato, le idiozie su clima ed energia che vengono spacciate per scienza.

    Sorondo ovviamente non è stato il solo: a ruota è seguito il cardinale Peter Turkson, prefetto del Dicastero per lo Sviluppo umano, che ha accusato il presidente americano Donald Trump di «politicizzare» la questione del clima che è «un bene pubblico globale». Politicizzare? Ma è proprio la teoria del riscaldamento globale antropogenico che è “politica”, come dimostra la storia di come questo concetto si è affermato (per una storia completa vedi R. Cascioli, Il clima che non t’aspetti. Edizioni Bussola, acquistabile qui).

    Poi non poteva mancare il cardinale Reinhard Marx che, in qualità di presidente delle Conferenze episcopali della Comunità Europea (Comece), ha parlato di «duro colpo inflitto al clima di fiducia globale che aveva generato» l’Accordo di Parigi. Ma il cardinale Marx ha mai letto l’Accordo di Parigi? Perché se uno crede davvero alla teoria del Riscaldamento globale antropogenico e alla catastrofe prossima ventura, bé, l’accordo di Parigi può solo gettare nella disperazione, altro che fiducia: diminuzione delle emissioni di anidride carbonica ma su base volontaria e con tempo fino al 2100. Da ridere.

    Infine a sorpresa ha voluto dire la sua anche il cardinale Gianfranco Ravasi, non si sa bene a che titolo. Infatti accusa Trump di non aver tenuto in considerazione «il tutto, l’interconnessione, il generale, il mondo», perché la persona umana è «relazione». Insomma Trump si è «isolato», ha cancellato la «solidarietà», come se la solidarietà fosse un valore in sé e non invece legato al bene comune da perseguire.

    E poi, ancora la confusione tra cambiamento del clima e inquinamento dell’aria. Non se ne può più, proviamo a rispiegare: l’anidride carbonica (CO2) non solo non è inquinante, ma è il mattone della vita, senza CO2 non ci sarebbe vita. L’anidride carbonica è invece un gas serra, considerata da una parte di scienziati responsabile del riscaldamento globale. Ma sul totale dei gas serra l’anidride carbonica non conta più del 5% perché il principale gas serra (circa il 90% del totale) è il vapore acqueo. Sebbene l’uso di combustibili fossili provochi sia l’inquinamento sia le emissioni di CO2 non c’è relazione diretta, tanto è vero che nel mondo occidentale l’inquinamento dell’aria diminuisce mentre le emissioni di CO2 aumentano. Ma anche il rapporto tra CO2 e cambiamenti climatici è tutto da verificare, tanto è vero che da 15 anni c’è una pausa nell’aumento delle temperature globali mentre le emissioni di CO2 continuano ad aumentare.

    Ignoranza, approccio ideologico, conformismo. Forse è un misto di tutti e tre i fattori a determinare le dichiarazioni di questi eminenti rappresentanti della Chiesa. Ma alla fine non è neanche questo il punto più importante. Ciò che crea veramente scandalo è la riduzione della Chiesa di Cristo a braccio esecutivo dell’ONU; è vedere la Santa Sede impegnatissima non ad annunciare Cristo, a renderlo presente a tutti gli uomini, ma ad organizzare il consenso attorno a politiche globali, oltretutto discutibili.

    Nelle sedi internazionali fino a poco tempo fa, la Chiesa cattolica era l’unico punto di resistenza a un’ideologia globalista; non per partito preso ma perché aveva a cuore soltanto l’uomo, la sua dignità, la sua libertà, messe in discussione da tale ideologia. Oggi non solo ha cessato di resistere, sembra stia tentando di prendere addirittura la guida del Nuovo ordine mondiale. Da qui la rabbia dei suddetti prelati per la posizione assunta da Trump, che da questo globalismo senza senso si è sfilato.

    Anche questo è un effetto della protestantizzazione in corso nella Chiesa: il catastrofismo ecologista infatti nasce nel mondo di tradizione protestante e origina dalla concezione totalmente negativa dell’uomo che proviene da Lutero e successori. E noi ci stiamo cascando dentro.

  4. ¡Las escuelas ocurrentes ,la cultura del encuentro, menos con Dios!
    Parece que el Vaticano está buscando más el paraíso terrestre que el celestial….

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.