Infovaticana
La cigüeña de la torre

El secretario del Coco que no termina de caer de la Palmera acusado de orgías gays en las que corría la droga

La Cigüeña de la Torre
29 junio, 2017

Habrá que esperar a que se confirme la noticia de forma segura. Por ahora yo sólo sé lo que recoge un medio italiano del que se hace eco Infovaticana.

https://infovaticana.com/2017/06/29/descubren-una-orgia-gay-drogas-apartamento-del-vaticano/

Coccopalmerio me parece penoso y si lo que hoy leo fuera verdad quedaría con mucho plomo en el ala cosa que muy posiblemente le haría caer de su cargo y sumido en el descrédito. Lo tendría muy merecido. Por tener ese secretario, por sus propias ideas, por el nepotismo que ha ejercido con él si le concedió un piso cardenalicio al que no tenía derecho y por haber intentado que le nombraran obispo.

Pero creo que de momento se impone la prudencia y esperar más confirmaciones. Ya he dicho que tengo una botella de champán en el frigorídico, no de cava, para descorcharla cuando el coco se caiga de la palmera. Que no puede ser tarde pues el 6 de marzo del año que viene cumple 80 años. Ocho meses de espera como mucho.

¿Queda también algo tocado el Papa Francisco, si todo se confirma, por su debilidad con ese coco en mi opinión medio podrido pero hasta es posible que ya hediondo? Pues algo supongo que sí. Como con Pell si llegaran a acreditarse las acusaciones. Y no faltará quien señale, si el escándalo estallara, el mal olfato del Papa con sus más íntimos.

Pese a mi declarada antipatía a ese coco por el bien de la Iglesia, aunque esté deseando su desaparición, preferiría que tan turbio asunto fuera sólo un invento.

La Cigüeña de la Torre


19 COMMENTS ON THIS POST To “El secretario del Coco que no termina de caer de la Palmera acusado de orgías gays en las que corría la droga”

  1. Man With No Name dice:

    seria bueno saber si después de este asqueroso escándalo al pajarraco diabólico del cocopalmeiro le quedaran ganas de seguir sonriendo como en la foto de la entrada.

  2. Silvia dice:

    Ya queda patente que la Iglesia necesita un buen exorcismo.
    No hay día sin noticias espantosas….aunque lo peor es la confusión doctrinal que causa la perdición de tantas almas.

  3. JUAN NADIE dice:

    Asi que secretario de COCOPALMEIRO. ¿Y solo secretario? porque es que yo no me lo creo. Lo siento pero eso explicaría las recientes declaraciones de Cocopalmeiro sobre los amancebados. Parece que al final todo queda en casa, hoy por ti, los amancebados, y mañana por mi, los gays. Lo siento, pero no puedo evitar pensar que la cara de COCOPALMEIRO que acompaña al artículo es la que pone cuando su secretario le hace morder la almohada. Y si llaman a Paglia y sus amigos hasta pueden hacer una conga. Hay que ver con que precisión elige Bergoglio a sus colaboradores, entre los mas corrupto y hereje para pervertir la doctrina. Claro si eligiese a gente seria no podría hacerlo.

  4. Echenique dice:

    No olvidemos que la peor corrupción es la doctrinal, acelerada en este pontificado de la confusión devastadora. Sin doctrina ni moral, todo está permitido. Si Francisco quiere limpiar lo que él mismo ensucia, lo tiene francamente difícil. Siembra vientos y recogerás tempestades. ¿ No querías lío ? ¡ pues toma de tu propia medicina !.

  5. Man With No Name dice:

    luis fernado perez bustamante de infocatolica esperando la conversión de bergoglio, http://infocatolica.com/blog/coradcor.php/1706291055-san-pedro-el-primero-de-los-a
    el problema es que el pobre se va a quedar esperando como las pobres novias plantadas frente al altar en espera del novio.

  6. Joel dice:

    ¿Pero de qué escandalizarse? estamos curados de espanto ante tanta descomposición doctrinal que inevitablemente genera semejante estado de cosas que ahora tenemos que decirlo así porque no somos nadie para pensar que es una inmundicia . Es que antes ya hubo otros tipos sonados y amparados, más otros que sin duda seguirán.
    Si se trata de dar por santificable la sodomía ¡qué se puede esperar y de qué escandalizarse?.
    ¡Coccopalmerio! el alambicador de los textos legales en el espíritu de la alegría del amor. ¿Qué cabe esperar?

  7. Hermenegildo dice:

    Si esta noticia es cierta, se explica en buena medida el proceso de demolición de la Moral Católica que se promociona actualmente desde el Vaticano.

  8. Ezequiel dice:

    El olor a oveja se esta transformando cada vez mas en pestazo a macho cabrio. Eso es una cloaca infecta. Y lo que falta por salir. Nauseabundo.

  9. Lector dice:

    Esperando que cayera el coco de la palmera, ha caído la coca de la polvera…

  10. Man With No Name dice:

    si esta noticia es cierta, entonces el vaticano se ha convertido en la jaula de las locas con drogas incluida. definitivamente el vaticano con bergoglio ha empeorado, y de que manera!

  11. Jose María Serra dice:

    Don Francisco Jose, soy el P. Serra, de Sentmenat, el colegio del P. Alba. Quisiera contactar con usted por correo electrónico. Espero sus noticias
    Gracias

  12. David dice:

    Jorge Caballero, la gendarmeria es la policia del Vaticano, en ningún momento se habla de la policia italiana.

  13. Juan Carlos dice:

    “Pero creo que de momento se impone la prudencia y esperar más confirmaciones.”… pero el Sr. de la Cigoña ya ha sido prudente y ha dejado caer las insinuaciones que caracterizan a cualquier creyente de pro. Con la medida con la que midáis, se os medirá. Las va a pasar canutas, Sr. de la Cigoña.

  14. Caballero Jorge dice:

    Puede entrar la policía italiana en territorio vaticano? El ex santo oficio está dentro del kilometro cuadrado.

  15. Beatriz dice:

    Me parece que al Papa Francisco se le está complicando cada vez más el panorama en varios sentidos.

  16. pacomio dice:

    Maffia. Mafiosos. Cretinos. Desgraciados.
    Ojalá hubiera otro “SACCO DI ROMA” que la limpie y purifique.

  17. Echenique dice:

    Il fatto Quotidiano no dice que sea el secretario del Cocco. Eso lo dice Gabriel Ariza que habrá consultado otras fuentes.
    Vaticano, fermato un monsignore: festini gay e droga al Palazzo dell’ex Sant’Uffizio
    CRONACA
    Il segretario di un importante cardinale colto in flagrante dalla Gendarmeria della Santa sede e spedito a disintossicarsi nel riserbo più assoluto. La lussuosa auto con targa d’Oltretevere lo avrebbe protetto dai controlli della polizia italiana. Il religioso era in predicato di diventare vescovo, ma la nomina è stata fermata. Papa Francesco furioso
    di Francesco Antonio Grana | 28 giugno 2017
    349
    1039
    Più informazioni su: Droga, Papa Francesco, Vaticano
    Un festino gay a base di droga. È quello che hanno scoperto gli uomini della Gendarmeria vaticana in un blitz all’interno di un appartamento nel Palazzo dell’ex Sant’Uffizio. Proprio lì dove per un quarto di secolo l’allora cardinale Joseph Ratzinger ha svolto il suo incarico di prefetto della Congregazione per la dottrina della fede prima di essere eletto Papa. L’inquilino dell’appartamento, stando a quanto raccontano in Vaticano, è un monsignore che svolge le mansioni di segretario di un importante porporato a capo di un dicastero della Curia romana. L’uomo, subito fermato dalla Gendarmeria, è stato prima ricoverato per un breve periodo nella clinica romana Pio XI per disintossicarsi dalle sostanze stupefacenti, e attualmente si trova in ritiro spirituale in un convento in Italia.

    In Vaticano bocche cucite o quasi sull’operazione delicatissima svolta dagli uomini comandati da Domenico Giani. Qualcuno si lascia scappare di essersi lamentato più volte per un continuo via vai dal portone di ingresso, la sera, di persone che erano abituali frequentatori del monsignore fermato. All’interno dei sacri palazzi spiegano che l’appartamento dove si consumavano i festini a luci rosse a base di droga non doveva essere assegnato al segretario di un capo dicastero. Si tratta, infatti, di un’abitazione riservata ai superiori: prefetti, presidenti o segretari della Curia romana e non semplici monsignori. Così come aveva destato diversi malumori che il presule in questione avesse una macchina lussuosa con la targa della Santa Sede. Anche questo è un privilegio riservato ad alti prelati. Evidentemente, come emerso anche da alcune ricostruzioni fatte in Vaticano, era proprio questo veicolo che consentiva al suo proprietario di trasportare la droga senza essere mai fermato dalla polizia italiana.

    Si racconta di un Papa a dir poco infuriato quando, dopo che era arrivata la soffiata ed era stata decisa l’operazione della Gendarmeria, ha saputo che il monsignore era stato beccato sul fatto. Tra i condomini del Palazzo dell’ex Sant’Uffizio l’imbarazzo è diffuso, ma anche la rassicurazione che, almeno per il momento, tornerà a regnare un po’ di tranquillità nell’edificio. Il suo ingresso principale, infatti, dà direttamente su piazza del Sant’Uffizio che è già territorio italiano ed è fuori da ogni controllo delle Guardie Svizzere e della Gendarmeria. Chiunque, di giorno e di notte, può entrare liberamente in Vaticano da questo accesso senza subire alcun controllo e senza ovviamente essere schedato. Una location perfetta per godere dei privilegi dell’extraterritorialità senza però dover sottostare né ai controlli dello Stato italiano, né a quelli della Città del Vaticano.

    Risolta, per usare un eufemismo, la vicenda a dir poco incresciosa del monsignore, resta da chiarire la posizione del cardinale di cui era segretario. “Possibile che non si sia mai accorto di nulla? Eppure diceva che lavoravano insieme fino a tardi”, si lascia scappare ancora un alto prelato. Si vocifera che, considerando anche l’età del porporato che ha ampiamente superato i 75 anni, ovvero l’età canonica delle dimissioni, Francesco abbia deciso di accelerarne il pensionamento anche a causa degli ultimi avvenimenti. “Aveva proposto il suo segretario per l’episcopato. Fortuna che non lo hanno nominato vescovo. Ora che cosa sarebbe successo?”, è la considerazione di un presule condivisa anche da altri confratelli. Ma qualcuno ha fermato questa nomina prima che fosse troppo tardi.

  18. Echenique dice:

    Pero por mucho que quede tocado Bergoglio no renunciará, pues lo sostienen los enemigos de la Iglesia de una forma que provoca rubor, pues lo presentan como el bueno de la película rodeado de malos que se resisten a sus reformas pues no quieren renunciar a sus privilegios. Resulta paradójico : Un papa sostenido por los enemigos de la Iglesia. Nunca se había visto.

  19. Echenique dice:

    Y también queda tocado Francisco por los millones en Suiza no aclarados del nuevo cardenal de Mali Jean Zerbo.
    Quei milioni che pesano sul monsignore

    Salvato in: Blog scritto da Aldo Maria Valli
    Giorni fa, quando abbiamo telefonato a Bamako per chiedere un’intervista a monsignor Jean Zerbo, la suora che ci ha risposto per poco non ci ha ricoperto di insulti.

    «Sua eminenza è malato! Non può rispondere, lasciateci in pace!» ha gridato la suorina, evidentemente agitata. A nulla è servito cercare di rassicurarla dicendo che nell’intervista non avremmo toccato temi di cronaca. La risposta è stata sempre la stessa: «Son éminence est très malade! Très malade!».

    Ora bisogna vedere se sua eccellenza Jean Zerbo, arcivescovo di Bamako nel Mali, diventerà davvero «son émincences». Pare infatti che papa Francesco abbia preso molto male la vicenda dei dodici milioni di euro che Zerbo avrebbe nascosto in alcune banche svizzere.

    Il signor arcivescovo di Bamako domani sarà al concistoro voluto da Francesco? Inizialmente sembrava di no, ora sembra di sì. Staremo a vedere.

    L’inchiesta di «Le Monde» parla chiaro. Nella banca svizzera HSBC Private Bank, a Ginevra, ci sono fondi per dodici milioni di euro, suddivisi in vari conti correnti i cui codici di accesso sono proprio nelle mani di monsignor Zerbo.

    La Conferenza episcopale del Mali ha risposto stizzita, parlando di «articolo tendenzioso», pensato per colpire la Chiesa maliana proprio «nel momento in cui viene onorata dalla nomina del suo primo cardinale», un’operazione che «mira a sporcare la sua immagine e a destabilizzarla».

    «Dio, che vede e che sa tutto, saprà un giorno ristabilire la verità», dicono i confratelli di monsignor Zerbo, che poi precisano di aver sempre operato «nella trasparenza totale».

    D’accordo, tuttavia nessuno ha potuto contestare i dati contenuti nell’inchiesta giornalistica realizzata da David Dembélé e Aboubacar Dicko, ora sottoposti a violente minacce anonime al telefono e via internet, tanto da essere stati costretti a ricorrere alla protezione della polizia del Mali.

    Venuto a sapere della faccenda dei conti in Svizzera, il Vaticano ha subito fatto pressioni per consigliare a monsignor Zerbo di non prendere parte alla cerimonia per la consegna della porpora. Oltretutto Zerbo, al primo posto fra i cinque nuovi cardinali, avrebbe dovuto tenere il discorso di ringraziamento, aggiungendo imbarazzo a imbarazzo.

    Restano le domande. Come vengono operate le scelte di vescovi e cardinali? Possibile che di una vicenda come quella che riguarda Zerbo non si sapesse nulla nei sacri palazzi?

    Dopo aver negato il suo coinvolgimento, Zerbo ha cercato di difendersi sostenendo che quei conti svizzeri sarebbero il risultato di vecchie operazioni condotte da missionari. Una toppa più vistosa del buco, verrebbe da dire. Specie se si pensa che il Mali è uno dei paesi più poveri del mondo, con un reddito pro capite pari a circa 930 dollari, e che la Chiesa cattolica nel paese rappresenta solo il 2,4 per cento della popolazione, su un totale di 17 milioni.

    Monsignor Jean Zerbo all’epoca dei fatti contestati era responsabile delle finanze della Conferenza episcopale del Mali (Cem). Coinvolti nella vicenda risultano anche monsignor Jean-Gabriel Diarra, vescovo di San, e monsignor Cyprien Dakouo, segretario generale della Conferenza episcopale maliana dal 2004. Altri nomi che figurano nell’inchiesta sono quelli dell’industriale Gérard Achar e dell’uomo d’affari Modibo Keita.

    Prima di arrivare alla HSBC in Svizzera, i conti della Cem girano a lungo. Numerosi gli incontri tra i tre vertici della Conferenza episcopale e due banchieri. Un responsabile ecclesiale di alto livello, rimasto anonimo, ha ammesso di essere stato al corrente dei movimenti, ma sull’origine dei dodici milioni è buio fitto. In ogni caso nel 2012 monsignor Dakouo ritiene opportuno lasciare il Mali alla chetichella.

    Nell’inchiesta di «Le Monde» l’attuale responsabile finanziario della Cem, padre Noël Somboro, afferma di non avere tempo di andare a sfogliare i vecchi libri, ma si lascia sfuggire che «abbiamo conti un po’ dovunque». Ovviamente non dichiarati al fisco del paese africano.

    È il 14 maggio di quest’anno (l’annuncio della porpora attribuita a Zerbo, da parte di papa Francesco, arriverà esattamente una settimana dopo, il 21 maggio) quando i due giornalisti aspettano monsignor Zerbo alla fine di una messa, alle sette del mattino, e lo mettono di fronte alle notizie raccolte a suo carico.

    «Io un conto in Svizzera?», risponde Zerbo. «Allora sono ricco senza saperlo!». Poi però, davanti alle prove, dice che si tratta di un vecchio conto, «un sistema che abbiamo ereditato dall’Ordine dei missionari d’Africa (detti Padri Bianchi, ndr) che gestivano la Chiesa».

    Ammesso che le cose siano andate come dice monsignor Zerbo, dodici milioni di euro, esentasse, sono comunque una bella sommetta.

    Il Mali, la cui popolazione è per l’ottanta per cento di fede musulmana sunnita, è da anni alle prese con una crisi che lo sta mettendo in ginocchio. La guerra civile del 2012 è ufficialmente terminata tre anni dopo, ma attentati e scontri continuano a martoriare il paese, nel quale operano almeno cinque gruppi qaedisti che hanno annunciato di volersi unire nel nuovo movimento Jama’at Nusrat al-Islam wal Muslimeen. La Chiesa, con l’arcivescovo Zerbo in primo piano, ha condotto difficili mediazioni per arrivare a una riconciliazione, e certamente questo impegno ha avuto un peso quando Francesco ha deciso di attribuire a Zerbo la porpora cardinalizia.

    «Conosco i giornalisti titolari dell’inchiesta – ha detto a Vatican Insider Christelle Pire, collaboratrice di Radio Vaticana e dell’emittente radio marocchina Medi1 – e so che si tratta di professionisti seri e accurati. Lavorano da mesi all’inchiesta e credo che le loro fonti siano attendibili. Esisterebbero prove certe di tre incontri avvenuti tra i prelati maliani coinvolti dall’inchiesta e funzionari bancari. Resta da capire innanzitutto da dove vengono questi soldi: sono soldi personali? In tal caso risulterebbe un po’ strano che un vescovo possegga tanto denaro. E poi, per cosa venivano o vengono utilizzati questi soldi? Perché sono stati trasferiti in Svizzera? In ogni caso, credo sia utile che la Chiesa faccia al più presto chiarezza perché fino ad oggi non ha detto molto riguardo ai conti e, a quanto pare, nessuna delle autorità finanziarie maliane sapeva di questi presunti trasferimenti».

    Brutta storia per la «Chiesa povera e per i poveri» che sta a cuore a Francesco.

    Aldo Maria Valli