Infovaticana
La cigüeña de la torre

En Ciudad Real progresa el clergyman

La Cigüeña de la Torre
14 septiembre, 2017

Habíamos visto con él a los sacerdotes jóvenes, ahora a los vicarios. A ver si les imitan los arciprestes.

http://www.diocesisciudadreal.es/noticias/513/lo-vicarios-hacen-el-juramento-de-fidelidad-ante-el-obispo.html

 

La Cigüeña de la Torre


4 COMMENTS ON THIS POST To “En Ciudad Real progresa el clergyman”

  1. En mi opinión dice:

    Aunqie el blogger sabe defenderse solo, lo cierto y verdad es que siempre ha hablado bien de los lefèbvrianos, creo que ha asistido a alguna de sus misas y tiene amigos personales entre ellos, por lo que carece de sentido la argumentación de Daniel.

    Pero quiero aprovechar el amplio conocimiento que tiene Daniel sobre esta facción para preguntarle algo importante.

    Daniel, en su texto afirma que hasta 1988 los lefèbrianos estaban en plena comunión con la Iglesia de Roma: Ergo se deduce que ahora no lo estàn. ¿ Es correcta la deducción?

  2. Daniel dice:

    Senor Pepone
    El Concilio Vaticano II, a diferencia de todos los demas concilios de la Iglesia, no es dogmatico, es pastoral.
    Nada de lo que ahi se dijo o se hizo se puede calificar como verdad que no puede ser discutida, se puede estar en desacuerdo con sus planteamientos sin comprometer en ningun sentido nuestra fe.
    Por otra parte, no se si su animadversion, por llamarla asi, al la FSSPX, lefebvristas, viene debido a una experiencia personal o a simple odio.
    La Fraternidad fue eregida canonicamente en el ano 1970 en la diocesis de Friburgo en Suiza bajo la autorizacion de su obispo Francois Charriere y al ano siguiente recibio una carta de alabanza por parte del Cardenal Wright, prefcto de la Congregacion para el Clero. La Fraternidad en su fundacion es tan catolica como jesuitas, agustinos o cualquier otra orden catolica. Esa es la verdad y la historia la prueba. La verdad puede ser negada o atacada pero no puede ser cambiada. Se empenan hipocritamente en llamar cismatica a la Fraternidad debido a las consagraciones de 1988, pero en todos esos 18 amos que la precedieron, ente 1970 y 1988, la Fraternidad estaba oficialmente en plena comunion con Roma. Y aun asi, ppr defender la Misa de siempre, se les trato de cismaticos y desobedientes, como se hace hoy en dia. En la practica estaban excomulgados desde el principio.
    La Iglesia hoy por hoy tiene un millon de problemas: ninguno de ellos ha sido causado por los lefebvristas.
    Dios lo bendiga a usted y a los suyos.

  3. Josejavier dice:

    Vuelve el clergyman para la foto de pose y postureo, pero luego en el día a día… secularizados!

  4. Echenique dice:

    Más Malta. El cuento de nunca acabar,
    Cavalieri di Malta: Boeselager perde davanti al tribunale di Amburgo

    Riportiamo un importante notizia pubblicata il 13 settembre dal sito kath.net.

    Nuova svolta nel giallo che riguarda i Cavalieri di Malta e il loro Gran Cancelliere in carica, Albrecht von Boeselager. Boeselager aveva avviato una procedura giudiziaria contro il giornale cattolico on line KathNet. Sul punto decisivo, il tribunale territoriale del Land di Amburgo ha stabilito che è vera l’impressione derivante dall’articolo incriminato, secondo cui Albrecht von Boeselager «ha lui stesso dato origine a tutte le critiche che gli sono state rivolte, anche per quel che riguarda la sua conoscenza di tutte le circostanze rilevanti».

    Con ciò, il Tribunale ha riconosciuto come un dato di fatto che Malteser International, anche dopo che l’opinione pubblica era venuta a conoscenza che nel Myanmar erano stati distribuiti aiuti umanitari comprendenti dei preservativi, ha proseguito per alcuni mesi con questa iniziativa umanitaria e che questo è avvenuto col pieno consenso e la piena avvertenza del signor Boeselager. In questo modo l’ingiunzione interlocutoria, che Boesalager aveva ottenuto in sede giudiziaria dopo l’articolo pubblicato da Kath.net, è stata cassata proprio su questo punto decisivo.

    Sulla preistoria dei fatti: poco meno di un anno fa si era arrivati all’interno dell’Ordine dei Cavalieri di Malta alle dimissioni del Gran Cancelliere, Albrecht von Boeselager. L’allora Gran Maestro dei Cavalieri di Malta, Fra Matthew Festing, aveva rimproverato al Tedesco di aver violato, nella sua funzione precedente di Grande Ospitaliere dell’Ordine, la dottrina morale della Chiesa, dato che era a conoscenza della distribuzione di mezzi contraccettivi nel quadro di progetti umanitari internazionali dei Cavalieri di Malta e di non averla interrotta. Boeselager aveva respinto questa critica e avviato un ricorso interno all’Ordine contro le proprie dimissioni. Il Vaticano e il Papa erano stati coinvolti in prima persona ed erano giunti alla conclusione che le accuse contro Boeselager fossero infondate. Per questo motivo, Festing, su pressione del Papa, si era dimesso e Boeselager era stato rimesso in carica.

    Con la sentenza del tribunale di Amburgo, ora, anche questa procedura si trova, de facto, a essere messa in questione. Il Papa è stato informato male? Festing aveva ragione e, quindi, è stato ingiustamente costretto alle dimissioni? Boeselager è ancora nelle condizioni sostenibili per fungere da Gran Cancelliere di un Ordine cattolico?

    Nella sentenza di Amburgo, che questa settimana è stata trasmessa in forma scritta a Kath.net, si legge, con un richiamo all’articolo di Kath.net del 26 dicembre 2016 contro cui Boeselager si era mosso sul piano giudiziario:

    «Tutto il terzo paragrafo dell’articolo si pone in maniera critica nei confronti di diversi aspetti del lavoro della parte Richiedente (la parte attrice, i.e. Albrecht von Boeselager) come ospitaliere, per dimostrare la tesi, presentata all’inizio, secondo cui una piccola cerchia di area linguistica tedesca vorrebbe sì mantenere i vantaggi dell’esclusività e della sovranità, ma allentare il vincolo con la dottrina cattolica e il legame con il Papa, che, a loro parere, sono troppo stretti. Ne deriva per il lettore, a parere della camera giudicante in maniera cogente, che il Richiedente è lui stesso, con la sua condotta, all’origine delle critiche citate, cosa che, di necessità, riguarda anche la sua conoscenza di tutte le circostanze rilevanti. Questa impressione, a livello processuale, secondo il risultato dell’azione di opposizione e della sua contradditorietà, può peraltro essere considerata come consistente (vera)».

    Boeselager aveva, invece, argomentato, sia pubblicamente che nel confronto giudiziario, di non avere avuto alcun influsso operativo diretto sull’azione umanitaria di Malteser International, che quelle circostanze non rientravano tra le sue responsabilità e che, una volta messo al corrente degli abusi, era intervenuto subito e vi aveva posto fine.

    Da notare è che, nel frattempo, tutte le affermazioni e i links su questo argomento sono scomparse dalla Homepage ufficiale dei Cavalieri di Malta di Roma.

    Albrecht von Boeselager Ordine di Malta